Ti trovi in: Home Page  \ Archivio Notizie \ Dettaglio Notizia
print

C.E.I. ha promosso l’apertura di un nuovo corridoio umanitario tra l’Etiopia e l’Italia

Carissimi,
la Conferenza Episcopale Italiana ha promosso l’apertura di un nuovo corridoio umanitario tra l’Etiopia e l’Italia che permetterà l’arrivo, nei prossimi mesi, di 500 profughi eritrei, somali e sud-sudanesi, fuggiti dai loro Paesi per i conflitti in corso e bloccati nei campi profughi etiopi. Con il coordinamento della Caritas Italiana e attraverso le Caritas diocesane, si cercherà di fornire l’adeguato processo di integrazione ed inclusione sociale di queste persone. In concomitanza con una prima fase, in cui si sta predisponendo quanto necessario per l’arrivo di queste persone in Italia (incontri istituzionali, selezione dei beneficiari, procedure amministrative, trasferimenti), si intende individuare attraverso la scheda di iscrizione (link di seguito), quelle diocesi che vorranno rendersi disponibili all’accoglienza.
Il programma si svolgerà nell’ambito del progetto “Protetto. Rifugiato a casa mia” di Caritas Italiana prevedendo l’ospitalità presso parrocchie, famiglie, istituti religiosi o appartamenti privati con il costante sostegno di famiglie tutor individuate dalle Caritas Diocesane e affiancate da operatori diocesani qualificati. Considerando che si tratta di primi ingressi e che, in quanto tali, necessiteranno anche di una serie di servizi essenziali (sostegno psicologico, accompagnamento legale, assistenza sanitaria, corsi di italiano e accompagnamento nel percorso di integrazione e autonomia) sono richiesti operatori esperti e qualificati.
Per aderire al progetto corridoi umanitari cliccare sul seguente link: http://inmigration.caritas.it/spazio-diocesi/progetto-o-iniziativa/543
Saluti
Caritas Italiana
@ 11-10-2017 # Notizie
Letta 36 volte